Paese
bad word

Ma come mai sto sito?

The Bad Word è dedicato a quelli che vogliono approfondire le proprie conoscenze nella loro lingua interessandoci più da vicino ai regionalismi nonché' agli appassionati di lingua desiderosi di rifinire la propria padronanza dell'italiano attraverso un registro di lingua spesso scartato dalle scuole e dalle aule universitarie. Anche se non tutti fanno uso di parolacce, o soltanto in rare occasioni, ogni locutore è in grado di capirle nella propria lingua madre e sa' usarla a ragion veduta.

Si tratta di un registro fondamentale che bisogna affrontare per poter vantar il comando totale di una lingua. Sapere quali sono gli usi, il significato e le modalità d'impiego di un insulto proveniente da un'altra regione o da una lingua straniera non è un gioco da ragazzi.

L'idea di questo sito nasce da semplici ed evidenti constatazioni. Le parolacce sono spesso e volentieri le prime parole che si imparano, che si tratti di lingua madre o straniera. Sono quelle parole che chiederemo ai locutori di una lingua straniera di insegnarci. Questo registro di lingua composto da insulti, bestemmie e parolacce fa anche riferimento alla cultura, al carattere e persino alla storia di una determinata area geografica.


E' vero che è difficile trovare una raccolta di queste perle linguistiche regionali siccome buona parte di queste parole è ancorata in una tradizione orale. E' per tutte queste ragioni che il sito The Bad Word è stato creato.


Occorre rendersi conto che oggi come oggi le parolacce si usano sempre di più e ciò da un'età sempre più tenera. E' un linguaggio colorito che evolve parallelamente alla nostra società e si adatta ai costumi. Alcune parolacce possono ferire tremendamente quando impiegate con cattiveria, tuttavia si può assistere al giorno d'oggi a un uso dirottato di queste parole per farne elementi comici, o addirittura risibili meraviglie di creatività.


Buono spasso sul sito!